Della libertà di raccontarsi cose qualsiasi, a fiumi di parole

Stare a bordo, in regata come in vacanza, conduce a parlare del più come del meno, e non necessariamente di scotte, sartiame acquartierato e forma delle vele. Il tempo è tanto, la conversazione prende piede, si allarga, spazia liberamente, varca i confini del contingente bellissimo, dei ricordi e dell’attualità. Si innescano connessioni inattese, partono le riflessioni e nuove idee, il filosofeggiare come lo humour, lunghe e gratuite esplorazioni in giochi intellettuali e ti ritrovi come niente a rivedere le tue certezze e a modificare i tuoi pensieri.

Dopo un paio di giorni sei incapace di rimettere in fila gli argomenti toccati, puoi solo constatare che i fiumi di parole sbrodolati, in realtà, consegnano all’altro solo e tutto te stesso.

Share & like:

Un pericolo meno ignoto. Pioggia senza vento uscendo da Sali

[Non ricordo chi raccontava che i marinai “quelli veri” sentono la burrasca in arrivo nell’odore dell’aria, diverse ore prima che arrivi] Sulla rotta Ravenna-Spalato facciamo tappa a Sali per fare dogana, sempre coi tempi indefiniti dettati dalla quasi proverbiale solerzia delle forze di polizia croate. Ma prima o poi dovremo…

Continue reading